vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Meana di Susa appartiene a: Regione Piemonte - Città metropolitana di Torino

Collegamenti ai social networks

Seguici su

Cosa vedere

Meana è apprezzabile per varie testimonianze artistiche-culturali del passato: graffiti su roccia, rinvenuti a monte della ferrovia, lapidi sepolcrali conservate presso la cappella di San Costanzo, la tomba romana ritrovata ai piedi del poggio di San Costanzo, la stessa cappella del Santo, antico tempio pagano, indicano una zona di testimonianze archeologiche d'indubbio interesse.
Ma altrettanto interessanti sono i dipinti ed i fabbricati con caratteristiche artistiche che s'incontrano qua e là esplorando le varie borgate:
Nelle "Assiere", il borgo più alto di Meana, vi è una struttura, forse un antico convento, nel cui cortile interno si affacciano delle "lobbie" dai modiglioni e dalle belle ringhiere in legno ornate da intagli. Al di sopra del portale d'ingresso si trova un grande dipinto, forse di fattura ottocentesca, rappresentate l'arcangelo Michele.
Nel borgo "Suffis inferiore" è conservato sulla facciata di una casa della parte antica del villaggio un vecchio dipinto rappresentante S.Costanzo, l'unico affresco superstite dei tanti del Santo Patrono.
All'interno dell'abitato delle "Sarette" si erge un edificio, forse un'antica chiesa, in cui, al centro di quella che probabilmente era l'abside, si apre una bifora di pietra lavorata. Il capitello della colonna centrale è costituito da una rozza testina; al centro dell'architrave è scolpito uno scudo con la croce dei Savoia e, accanto, un giglio di Francia di rozza fattura.
La cappella dei Santi Sebastiano e Rocco, nella borgata "Campo del Carro", risale al sec. XVII ed era ornata nella facciata da affreschi in parte perduti. Accanto al nucleo abitativo si erge per tre piani fuori terra un edificio del sec. XVII, con facciate prospicienti un cortile interno, caratterizzato da logge a volte.
La chiesa parrocchiale di S. Maria Assunta è antichissima (sec. XI); si eleva in regione "Travot" e fu quasi del tutto ricostruita nel sec. XVIII. Nell'attuale chiesa barocca venne conservata parte del campanile romanico. Il barocco si evidenzia negli stucchi che fanno da cornice alle pale degli altari e nei pannelli dei battenti delle porte.
Gli elementi citati sono solo pochi esempi; altre ancora, sono le strutture del paese che parlano di storia, di arte.
Seleziona una o più categorie

Borghi - Ricetti - Torri - Edifici e Resti Storici

Torre delle Combe

Nome Descrizione
Indirizzo Località Combe

Chiese - Oratori

Parrocchiale di Santa Maria Assunta

Nome Descrizione
Indirizzo Via Travot, 2
Telefono 0122.39150

Località - Frazioni

Palazzi - Ville

Palazzo del XVII secolo

Nome Descrizione
Indirizzo località Campo del Carro